» » » » » » » » » » » » » CIMINA’. Arrestato un 42enne per detenzione e ricettazione di armi clandestine

CIMINA'. Continuano i servizi di controllo straordinario del territorio disposti dal Comando Gruppo carabinieri di Locri, finalizzati alla repressione dei reati attinenti le armi.

In tale ambito, i carabinieri sono stati impiegati in numerosi rastrellamenti, anche in orari serali e alle prime luci del giorno, nelle aree rurali dell’entroterra, alla ricerca di armi e materiale esplodente, con particolare attenzione alle zone aspromontane ricadenti nei comuni di Ciminà, San Luca e Platì, ispezionando ampie zone boschive, casolari abbandonati, pozzi ed anfratti naturali.

Tale attività ha già consentito, dall’inizio dell’anno, di ritrovare numerose armi e munizioni e, in particolare nelle zone periferiche dei comuni del circondario di Locri.

Anche ieri, i carabinieri della Stazione Sant’Ilario dello Jonio, unitamente ai colleghi dello Squadrone eliportato cacciatori “Calabria”, hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, Saverio Raco, 42 anni, di Ciminà, per ricettazione e detenzione abusiva di armi clandestine.

In particolare, nel corso di una perquisizione domiciliare, estesa anche ad un terreno di proprietà di Raco, sono stati rinvenuti:
  • un fucile calibro 12 con matricola punzonata;
  • 2 riduttori di calibro di fabbricazione artigianale;
  • oltre 450 munizioni di vario calibro e tipo.
Tutto il materiale, in ottimo stato di conservazione, era abilmente occultati all’interno di un tubo in plastica sotterrato.

Espletate le formalità di rito, l’uomo è stato associato presso la Casa circondariale di Locri, su disposizione dell’Autorità giudiziaria, mentre il materiale rinvenuto è stato sottoposto a sequestro.

About Pino d'Amico

Reggio Calabria e la sua Provincia dentro la cronaca e non solo.
«
Next
Post più recente
»
Previous
Post più vecchio

Nessun commento :

Lascia un Commento

Ti potrebbero interessare ...