Egregio Sig. Sindaco,
se il nostro Comitato è a tutela dei cani di Mortara, se i cani vengono prima di tutto a prescindere da associazioni o altro, allora siamo qui a chiedere come possa essere possibile che un ospite del canile comunale di Mortara, Lizzie, del quale apprendiamo da un social network che è in evidente stato di bisogno (come per altro comunicato a mezzo lettera formale da chi di competenza ai proprietari del cane) dopo giorni ancora non sia stato sottoposto ad accurata visita, a esami clinici e di laboratorio e conseguente terapia visto il trascorso medico dello stesso.


Veniamo a conoscenza del fatto che il direttore sanitario dell’area rifugio presterebbe il proprio operato dietro parcella ma comunque non prima di lunedì e potendo contare solo sulle scarse strumentazioni presenti nella struttura, mentre i proprietari non possono portare la cagnetta presso la propria clinica perché altrimenti, a quanto pare, non può fare rientro in canile. 
Perché far passare giorni che potrebbero determinare un peggioramento dello stato del cane e non fare un’eccezione alla regola (regola peraltro sconosciuta ai più in quanto non pubblica) vista la situazione di emergenza?

Considerato che a prescindere un medico dovrebbe prestare soccorso ad un animale in difficoltà, e che ciò avviene con i numerosi ospiti entrati fino a ieri al canile e con quelli che permangono già da tempo presso la struttura di Mortara, ci chiediamo perché in questo specifico caso non si sia applicata la medesima solerzia e attenzione nei confronti di un cane che sì è di privati ma attualmente affidato al rifugio e in quanto tale uguale agli altri.

La morale è che tra guerre e capricci, lungaggini burocratiche e confusione sui ruoli e responsabilità in capo a ciascuno, il cane sta ancora lì, dentro un box e senza cure.

Si chiede a chiunque per ordine e grado di mettersi una mano sulla coscienza e pensare al solo benessere di Lizzie, in questo caso, e di tutti gli ospiti presenti nella struttura.
Comitato Cittadino a Tutela dei Cani di Mortara

About Pino d'Amico

Reggio Calabria e la sua Provincia dentro la cronaca e non solo.
«
Next
Post più recente
»
Previous
Post più vecchio

Nessun commento :

Lascia un Commento

Ti potrebbero interessare ...