PIANA. Continuano senza sosta le attività di controllo del territorio della Piana disposte dal Comando provinciale Carabinieri di Reggio Calabria che, anche nelle ultima settimana, hanno visto impiegate numerose pattuglie della dipendente Compagnia di Gioia Tauro diretta dal tenente Gabriele Lombardo, impegnate in controlli, perlustrazioni e perquisizioni nelle aree urbane e pre- aspromontane.

A partire da sabato scorso i militari della Compagnia di Gioia Tauro hanno intensificato l’azione preventiva e repressiva sul territorio passando al setaccio le aree ritenute più sensibili: sono state interessate dai controlli le principali vie del quartiere Marina di Gioia Tauro nonché le aree più degradate della municipalità rosarnese e delle pertinenti aree rurali ai confini con i territori di Laureana di Borrello e Serrata.

Circa 250 le persone complessivamente controllate e 60 le perquisizioni personali e domiciliari effettuate nel corso della settimana.

In particolare:
  • in contrada Signori di Laureana di Borrello, i militari della Stazione di Serrata e della Tenenza di Rosarno, congiuntamente a personale dello Squadrone eliportato cacciatori di Calabria di Vibo Valentia, hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, tre fratelli, G. G., G. G., G. G., rispettivamente di 44, 51 e 56 anni, perché, nel corso di una perquisizione domiciliare presso un casolare di loro proprietà, i militari hanno rinvenuto un fucile a canne mozze con matricola punzonata calibro 16, una pistola calibro 7,65 con matricola abrasa, 31 cartucce calibro 16, 38 cartucce calibro 9X19 parabellum, 10 cartucce 9 corto e 10 cartucce calibro 7,65, materiale tutto sottoposto a sequestro probatorio. Gli arrestati, al termine delle formalità di rito, sono stati collocati agli arresti domiciliari in attesa della convalida del giudice che, valutati gli elementi indizianti raccolti dalla polizia giudiziaria, ha convalidato gli arresti confermando la misura cautelare degli arresti domiciliari;
  • a Laureana di Borrello, i militari della locale Stazione hanno tratto in arresto,  in flagranza del reato di furto aggravato di energia elettrica), G. C., 34 anni, poiché ritenuta responsabile del reato di furto aggravato di energia elettrica in quanto, tramite allaccio abusivo diretto alla rete pubblica, con violenza sulle cose, alterava completamente il consumo di energia elettrica al fine di alimentare la propria abitazione. La donna, incensurata, ultimate le formalità di rito, è stata rimessa in libertà su disposizione del magistrato di turno della Procura della Repubblica di Palmi;
  • a San Ferdinando, i militari della locale Stazione, in ottemperanza all’ordinanza di applicazione di misura cautelare personale degli arresti domiciliari emessa dal Tribunale di Reggio Calabria – Sezione Gip - Gup, hanno tratto in arresto D. B., 53 anni, poiché resosi responsabile di plurime violazioni, commesse negli ultimi mesi, alla misura cautelare dell’obbligo di dimora cui lo stesso era sottoposto. La misura cautelare giunge all’esito di una mirata attività istruttoria svolta dalla Stazione di San Ferdinando che, nel corso del mese di febbraio 2017, ha accertato diverse violazioni alla misura dell’obbligo di dimora da parte di D. B. che, in talune circostanze, non si è risparmiato a tenere atteggiamenti spavaldi e provocatori anche nei confronti delle forze dell’ordine preposte al suo controllo.
Infine, nella mattinata di oggi sabato 18 marzo, circa 60 militari della Compagnia di Gioia Tauro, col supporto delle compagnie limitrofe e dello Squadrone eliportato cacciatori di Calabria, hanno blindato da nord a sud la marina di Gioia Tauro effettuando perquisizioni e posti di controllo a tappeto.

Nel corso del servizio sono state controllate circa 100 persone e 40 veicoli, effettuate numerose perquisizioni domiciliari e personali ed elevate sanzioni amministrative per violazione delle norme sulla circolazione stradale per un ammontare di circa 2.000 euro.

In tale contesto, i militari della locale Compagnia hanno tratto in arresto R. M., 56 anni, perché ritenuto responsabile di furto aggravato in quanto, in modo fraudolento, tramite manomissione del contatore, alterava palesemente il consumo di acqua della propria abitazione.
L’arrestato, al termine delle formalità di rito, è stato tradotto presso il proprio domicilio in attesa del rito direttissimo.

Nella medesima operazione di servizio altre 3 persone sono state denunciante in stato di libertà per i reati di porto abusivo di armi, ricettazione, sostituzione di persona, falsa attestazione e false dichiarazioni sulla propria identità.

About Pino d'Amico

Reggio Calabria e la sua Provincia dentro la cronaca e non solo.
«
Next
Post più recente
»
Previous
Post più vecchio

Nessun commento :

Lascia un Commento

Ti potrebbero interessare ...