MATERA. Non basta il cambio modulo per guarire il mal di trasferta degli amaranto.

Il Matera, terzo della classe, si rialza dopo la serie negativa e torna alla vittoria rifilando due goal nella prima frazione di gara alla squadra di mister Zeman.

Il mister amaranto opta per Maesano al posto di Romanò per presidiare la corsia di destra, il giovane Knudsen invece viene schierato a centrocampo al posto di De Francesco, che resta fuori per problemi fisici. In attacco Bianchimano vince il duello con Leonetti e sarà lui ad affiancare il capitano amaranto. Il resto della squadra viene confermata in blocco.
Pronti via, si comincia.


Partono molto meglio i padroni di casa che spingono forte sugli esterni, mandando in crisi Maesano e Porcino. Proprio dai due esterni arrivano le prime conclusioni in porta che fanno tremare Sala. I reggini non riescono a gestire palla e soffrono il pressing avversario, pressing che già al 10’ dà i suoi frutti.

Un pallone sporco giunge in area amaranto, ad attenderlo c’è l’ex di turno Giovanni Di Lorenzo, che controlla e calcia in porta battendo Sala. Amaranto sotto di un goal dopo appena dieci minuti.

Il Matera spinto dal goal continua a macinare gioco, mentre gli amaranto non riescono mai a venire fuori dalla loro metà campo.

I padroni di casa vanno vicino al raddoppio svariate volte, ma falliscono molte occasioni, finché al 29’ De Vito frana addosso a negro, nessun dubbio, calcio di rigore. Negro si presenta sul dischetto del rigore e non sbaglia. 2 a 0, ora si fa veramente dure per gli amaranto. I guai non finiscono.

Pochi minuti dopo la ripresa di gioca il centrocampista amaranto Botta viene toccato duro da un avversario ed è costretto ad issare bandiera bianca, Zeman rischia il tutto per tutto e inserisce Leonetti al posto del centrocampista, passando ad un 3-4-3. Il cambio sembra dare un po' di scossa, ma non basta e il primo tempo si conclude sul 2 a 0.

Nella ripresa partono meglio i reggini che sfiorano la rete con Coralli. Il capitano sfrutta bene l’assist di Bianchimano, purtroppo però tra lui e la gioia della rete si contrappone la difesa del Matera, che chiude bene e sventa la minaccia. Pochi minuti dopo ci prova Leonetti, su iniziativa personale, a impensierire Tozzo.

Dopo le due scosse amaranto, i locali riprendono in mano le redini del gioco e vanno vicino al tris prima con De Rose, che centra la traversa, e poi con Strambelli, il cui tiro sfiora il palo e si spegne sul fondo. La Reggina subisce il Matera e non riesce più a reagire alla forza avversaria, così la gara scivola via sul risultato di 2 a 0.

Manco il cambio modulo riesce a guarire la Reggina dal mal di trasferte. Dopo le due belle prestazioni viste nelle due giornate di campionato appena passate che hanno fruttato 4 punti, gli uomini di Zeman tornano da Matera con la sacca del bottino vuota.

Il Matera torna a vincere, dimostrando che in realtà la classifica non mente e che entrambe le squadre meritano di trovarsi nella posizione in cui stanno.

I reggini dal canto loro sperano di tornare presto a vincere, perché la possibilità di salvarsi senza passare dai play out c’è ed è ancora a portata di mano.
Pasquale Scopelliti

About Pino d'Amico

Reggio Calabria e la sua Provincia dentro la cronaca e non solo.
«
Next
Post più recente
»
Previous
Post più vecchio

Nessun commento :

Lascia un Commento

Ti potrebbero interessare ...