» » » » » » » RIZZICONI. "Rizziconi-Drosi": strada della vergogna

RIZZICONI. A seguito di nubifragi e piogge insistenti il 2 novembre 2010 crollano 2 ponti, uno sul fiume Pelisa di contrada "Matta Rossa" che attraverso la strada provinciale Rizziconi-Gioia Tauro la metteva in comunicazione con Gioia Tauro e al ponte sul fiume Budello di contrada "Valle Amena", che attraverso la Statale 18 la collegava con la stessa Gioia Tauro e gli altri centri della piana.

Dagli eventi atmosferici summenzionati in poi, Drosi è rimasta praticamente isolata dato che la strada che la collega al capoluogo aveva subìto danni ingenti.

Le proteste non sono mancate con vari articoli sui i giornali e l’intervento della televisione sul posto per portare la vicenda di interesse pubblico a chi di competenza.

Sembra che il tempo si sia fermato, anzi che si torni indietro, come se i centri interessati ricadessero in territorio straniero.

Dall’avvenuta nascita della città metropolitana invece di snellire quelli che sono i meccanismi di una burocrazia lenta, la situazione è soltanto peggiorata.

Possibile che ad altre situazioni simili si è arrivati ad una conclusione ripristinando la normale circolazione della rete stradale e non per un dovere civico prima di tutto verso una cittadinanza che paga le tasse?

Quando ti ritrovi a circolare su certe strade è un continuo zig zag con alto rischio di incidenti mortali e per riscontrare qualche intervento per il rifacimento del manto stradale bisogna aspettare una campagna elettorale.

A mettere la ciliegina sulla torta è l’ignoranza della gente che purtroppo non capisce e non vuole capire che siamo noi a convivere in questo territorio, dove molto probabilmente vivremo per lungo tempo, regalando un sipario sconcertante a cielo aperto, mettendo a repentaglio la salute di chiunque; a fare da corredo al manto stradale c’è di tutto: rifiuti ingombranti, carte, assorbenti, bottiglie, pneumatici di auto e chissà quant’altro in sacchi neri di plastica che giacciono  chissà da quanto tempo.

L’ennesimo appello è rivolto a l’odierna triade commissariale che è a capo del comune di Rizziconi, insediata dal 1 novembre 2016.

Credo che in rappresentanza dei cittadini che risiedono debba farsi carico di questo aberrante scenario sollecitando gli enti di competenza e quelli di controllo di intervenire al più presto facendo ristabilire la normalità.

Da anni assistiamo ad un totale abbandono, costretti a parlare di legende metropolitane e non di Città.
Giuseppe Ierace

About Pino d'Amico

Reggio Calabria e la sua Provincia dentro la cronaca e non solo.
«
Next
Post più recente
»
Previous
Post più vecchio

Nessun commento :

Lascia un Commento

Ti potrebbero interessare ...