» » » » » » » » » » » SCILLA. Intimidazioni: il consigliere Franco Santacroce costretto a disertare il Civico consesso

SCILLA. Ringrazio tutti, singoli cittadini, associazioni ed Enti per la solidarietà espressa alla mia persona e per la condanna nei confronti di un gesto assolutamente vile ed esecrando che, oltre ad offendere la mia persona, offende l’intera comunità.

E’ vero, questi atti colpiscono nell’animo la persona offesa e la sua famiglia ma recano anche danni incalcolabili alla comunità di appartenenza della vittima, soprattutto, se questa, eletta dal popolo, visibilmente la rappresenta. Per questo avrei voluto non macchiare l’immagine di Scilla e della Calabria evidenziando fatti e circostanze negative per il mio Paese.

Francesco Santacroce
Una volta che l’evento è diventato di dominio pubblico ritengo sia opportuno comunicare al Consiglio Comunale, tra i cui componenti mi onoro di essere stato eletto, fatti e vicende che hanno accompagnato gli ultimi anni del mio percorso politico, affinchè si apra una seria riflessione pubblica.

Fatti che non dovrebbero accadere a nessuno men che mai a un rappresentante delle Istituzioni, quale, nel suo piccolo, è, un consigliere comunale.

Sono stato consigliere comunale già in altre tornate amministrative con altri sindaci (Rocco Bueti, Gaetano Ciccone) e mai ho subito restrizioni alla mia attività di consigliere comunale, anche allora di opposizione.

I primi problemi sono arrivati purtroppo negli ultimi anni, precisamente in epoca di discussione in aula e fuori dall’aula consiliare della dichiarazione del dissesto finanziario del Comune di Scilla. Appena nominato revisore di questo Comune, ho subito l’incendio della stessa casa, oggi danneggiata da colpi di arma da fuoco.

Non ero consigliere comunale ed era stato il mio predecessore, revisore dei conti, a relazionare sullo stato di insolvenza del Comune, per cui ancora oggi non mi capacito sul perché di tale gesto e, ancora oggi, nulla è stato accertato in merito a tale atto criminoso nei miei confronti.

Non è finita. Qualche anno dopo, durante questa amministrazione, una grave lettera anonima mi intimava di dimettermi o comunque di astenermi dal mio ruolo di opposizione all’attuale maggioranza. La missiva era particolarmente pesante perché faceva esplicito riferimento alla mia famiglia. Ancora una volta mi sono affidato alla giustizia ed ho continuato il mio servizio di consigliere comunale. Nulla però è stato accertato.

E ancora. Dopo le dimissioni “per motivi personali” dell’altro componente del mio gruppo consiliare, l’avvocato Loredana Delorenzo, mi perveniva una nuova lettera anonima che mi intimava: “vattindi a casa comu fici a consigliera Delorenzo perchi ora ci stai rumpendu i co… e cerca di farti i c… toi altrimenti avrai brutti guai …”.

Cosa fare? Naturalmente ho continuato la mia attività di consigliere, sempre più sfiduciato per l’impossibilità di capire chi e il perché di tali atti.

Ho sperato che almeno si arrivasse alla conclusione del procedimento penale relativo al dissesto, nel quale anch’io sono stato indagato e, nel quale, anche a mezzo interrogatorio da me richiesto, ho chiarito la mia completa estraneità. Invece, ad anni ormai di distanza, nessuna notizia è arrivata nè relativa a tale procedimento né del collegato procedimento di responsabilità presso la Corte dei Conti.

Nonostante tutti questi eventi criminosi nei miei confronti ho atteso e continuerò ad attendere fiducioso in silenzio i tempi lunghi della giustizia perché ritengo opportuno non appesantire ulteriormente il clima di sfiducia esistente a Scilla.

Certo è che anche il Sindaco dovrebbe fare di tutto per evitare inutili polemiche, colpevolizzando coloro che hanno dichiarato il dissesto a difesa di chi lo ha provocato.

Una minore arroganza e toni meno accesi da continua campagna elettorale eviterebbero di considerare gli avversari politici come nemici da “far scomparire da Scilla”.

Questa è o dovrebbe essere un’altra storia: si tratta di modi differenti di fare politica.

Tornando più specificatamente alla mia ultima vicenda personale non posso che confermare quanto riportato dalla stampa. Mi domando chi può essere l’autore dei crimini finora elencati e chi, soprattutto, ha anche inteso esplodere colpi di arma da fuoco contro la mia abitazione? Perché? Cosa vogliono ottenere?

Come hanno detto gli amici scouts nessun motivo può giustificare un tale atto o gli atti precedenti sopra elencati.
…E allora? Ancora dubbi.

È giusto che la gente sappia? È giusto chiamarla alle manifestazioni, col risultato di vedere offeso anche il più simbolico rappresentante della legalità, don Ciotti? O sarebbe meglio tacere e resistere fin che si può, senza dare sazio a chi della vigliaccheria si fa onore? Non conosco la risposta: mi affido a tutte le autorità preposte, nella speranza di avere riscontri concreti. Lo spero per me e per chi come me gratuitamente offre il proprio servizio alla collettività.

Servono risposte per restare, per resistere!

Abbandonare, magari nel massimo riserbo, sarebbe amara sconfitta per tutti.

Questa è la motivazione della mia assenza in aula: che ciascuno rifletta e chi deve agire, agisca.

Nell’attesa, auguro al Consiglio Comunale un sereno e proficuo lavoro, tale che possa creare maggiore benessere ai cittadini, attenzione ai soggetti più deboli e soprattutto maggiore legalità.
dr Francesco Santacroce
consigliere comunale

About Pino d'Amico

Reggio Calabria e la sua Provincia dentro la cronaca e non solo.
«
Next
Post più recente
»
Previous
Post più vecchio

Nessun commento :

Lascia un Commento

Ti potrebbero interessare ...