REGGIO CALABRIA. Si terrà lunedì 24 aprile alle ore 19,15  nella Chiesa di San Giorgio al Corso, con il Patrocinio del Consiglio Regionale della Calabria, della Città Metropolitana e del Comune,  la cerimonia di consegna del Premio Anassilaos San Giorgio,  giunto alla sua 18^ edizione e promosso congiuntamente dalla Associazione Anassilaos e dalla Parrocchia di San Giorgio al Corso.

Nell’anno 1999 – su suggerimento dell’allora sindaco della Città professor Italo Falcomatà – l’Associazione culturale Anassilaos, d’intesa anche con la Parrocchia di San Giorgio al Corso, in occasione della Festa di San Giorgio Martire, Patrono della Città, diede vita al Premio San Giorgio conferito ad Enti, Istituzioni Culturali,  Ordini Professionali, Associazioni, cittadini con il proposito di esprimere gratitudine e apprezzamento a quei reggini e non reggini, che in patria, o lontani dalla patria, hanno contribuito e contribuiscono alla crescita civile, culturale, economica della Città.

In quella circostanza vennero premiati Giuseppe Borgia, allora Provveditore Generale dello Stato; il professor Andrea Monorchio, Ragioniere Generale dello Stato, monsignor Salvatore Nunnari, al tempo arcivescovo di Sant’Angelo dei Lombardi, il dottor Nunzio Rapisarda, prefetto di Reggio Calabria, e l’illustre medico professor Francesco Crucitti (alla memoria). Anche quando in seguito  il Comune promosse il San Giorgino d’Oro, l’iniziativa dell’Associazione Anassilaos continuò, anno dopo anno, ad affiancarsi a quella dell’Ente da cui venne sempre riconosciuta come parte delle manifestazioni  organizzate  per celebrare il Santo Patrono.

Come da tradizione consolidata  ormai da diciotto anni  la cerimonia conclusiva del Premio si svolge il  24 aprile, giorno successivo alla Festività di San Giorgio, presso la stessa Chiesa (Tempio della Vittoria), al termine della Santa Messa. La ragione di una tale scelta, a parte la disponibilità cortese e generosa del parroco  Don Nuccio Santoro, è evidente.

Un Premio ispirato al Santo Patrono della Città, alle sue virtù eroiche, non poteva trovare sede migliore che nel Tempio della Vittoria. In quella antica e vetusta Chiesa un tempo i sindaci appena eletti si riunivano per prestare il loro giuramento agli ordinamenti civici e per  prendere le decisioni più importanti e gravide di conseguenze per la stessa città. Ecco i premiati 2017.

Nel 50° Anniversario dell’Ordinazione Sacerdotale (1967-2017) per l’impegno pastorale, umano e sociale premiati Padre Michele Bernardi, parroco di Santa Croce (Villa San Giovanni); Padre Domenico Crucitti, parroco di  Sant’Antonio da Padova (Reggio Calabria); Padre Francesco Giofrè, parroco di San Domenico di Guzman (Reggio Calabria).

Per l’impegno nel volontariato premiata l’Aipa  (Associazione Pazienti Anticoagulati) che opera presso il  Centro Emofilia - Servizio Emostasi e Trombosi dell’Ospedale Bianchi Melacrino Morelli di Reggio Calabria.

Premio Una vita per la Scuola al professor Francesco Catalano, per moltissimi anni vicepreside e poi preside del Liceo Classico “Tommaso Campanella” nonché eminente studioso di letteratura latina.

Premio Una Vita per l’Arte al Maestro Ermonde Leone, già docente presso l’Istituto d’Arte “Frangipane” e il Liceo Artistico “Mattia Preti”, insigne ceramista e al Maestro Cosimo Giorgio (Nuccio) Schepis, artista e rinomato restauratore.

Premio Una Vita  per la Medicina al dottor Francesco Pavone, medico, coordinatore degli Uffici Usmaf-Sasn della Puglia, della Calabria e della Basilicata.

Per aver documentato attraverso le immagini quaranta anni di cronaca a Reggio Calabria e Provincia premio al fotoreporter Rosario Cananzi.

Premio Una Vita  per la Fotografia al fotografo Giuseppe Vizzari, artista della fotografia e promotore di numerose iniziative nel settore.

Per l’Impegno Associativo, Sociale e Culturale riconoscimento  al sottotenente dei Bersaglieri Nicola Morabito, presidente  regionale dell’Associazione nazionale Bersaglieri Calabria  e al professor Sandro Vitale, presidente della Sezione di Reggio Calabria dell’Associazione nazionale partigiani d’Italia.

Premio anche a due “giovani” associazioni cittadine: l’ Associazione culturale Universalia, per l’impegno a favore degli studi bibliografici e dei libri e l’ Associazione Fahrenheit 451 per l’impegno volto a diffondere la cultura nelle sue varie forme e soprattutto nel cinema.

Alla Compagnia Teatrale Koinè che opera nella vicina Messina, collaborando attivamente con associazioni teatrali reggine (Blu Sky),  in un proficuo scambio di esperienze culturali tra le due rive dello Stretto, un riconoscimento per il Teatro.

About Pino d'Amico

Reggio Calabria e la sua Provincia dentro la cronaca e non solo.
«
Next
Post più recente
»
Previous
Post più vecchio

Nessun commento :

Lascia un Commento

Ti potrebbero interessare ...