» » » » » » » » » LEGA PRO. Reggina: 3 punti fondamentali

REGGIO CALABRIA. Gara fondamentale in chiave salvezza quella che vede oggi al Granillo come protagoniste Reggina e Melfi.

Tutte e due le compagini occupano le zone basse della classifica e i tre punti in palio oggi permetterebbero a una delle due di continuare a sperare nel sogno salvezza, senza dover passare dall’ostacolo play out.

Per la gara odierna Zeman conferma in blocco formazione e interpreti che hanno ben figurato nell’ultima gara di campionato. Le uniche due eccezioni sono Gianola, che scontata la squalifica riprende il posto in difesa, e Bangu, il centrocampista scuola fiorentina viene lanciato titolare al posto di Knudsen.

Pronti via, si comincia.

I reggini spinti dal pubblico di casa, che risponde presente ancora una volta all’invito del presidente Praticò, parte subito con il piede sull’acceleratore. Anche se schierata con un assetto prettamente difensivo la squadra di Zeman pressa e crea molto.

Il primo a rendersi pericoloso è Bianchimano che raccoglie l’assist di De Francesco e calcia in porta, la sfera viene però parata da Gragnaniello. Il goal mancato dall’attaccante amaranto è solo un preludio al goal che arriva pochi minuti dopo con Botta.

L’esperto centrocampista si ritrova sul mancino uno splendido pallone dopo un rinvio non perfetto della squadra ospite e senza pensarci calcia in porta, la conclusione non è di quelle imparabili, ma riesce a sorprendere l’estremo difensore e a insaccarsi in rete.

Reggina avanti. Nonostante la rete gli uomini di Zeman continuano a macinare gioco e a creare occasioni.
De Francesco raccoglie bene un cross proveniente dalla destra e calcia direttamente in porta, la conclusione però finisce sopra la traversa.

Il Melfi attacca con molti uomini, nella speranza di riuscire a perforare la difesa amaranto, dimostratasi molto fragile durante tutto il campionato, ma la retroguardia della compagine di casa non si lascia sorprendere quasi mai e contiene bene gli attacchi avversari. Superata la metà del primo tempo i ritmi iniziano a calare e la prima frazione sembra destinata a concludersi sul risultato di 1 a 0.

Sullo scadere dei primi 45 minuti di gioco, però, arriva il rigore per la Reggina. Sugli sviluppi di un corner Coralli fa da torre per Kosnic, il difensore amaranto lanciato sul pallone viene atterrato da dietro da Laezza, il direttore di ara senza il minimo ripensamento assegna il penalty e ammonisce il difensore ospite. Sul dischetto si presenta capitan Coralli che non sbaglia e porta la Reggina sul 2 a 0.

I restanti minuti scivolano velocemente via e la prima frazione si conclude sul risultato di 2 a 0.

Nella ripresa il Melfi cambia, fuori Marano e dentro Foggia. Il cambio sembra dare la scossa giusta alla squadra guidata da Diana, infatti la compagine ospite parte a razzo e mette subito in difficoltà la Reggina. La gara si fa più maschia e nervosa, gli ospiti non vogliono perdere, sanno che i tre punti oggi sono fondamentali.

La squadra di Diana domina il campo e riesce a valorizzare la propria dominanza con una rete che accorcia le distanze. Sugli sviluppi di un calcio di punizione il neo entrato Foggia colpisce benissimo e insacca la palla. Il goal subito non abbatte i padroni di casa, come è già successo in passato, ma li rinvigorisce e li carica, assieme al supporto della Curva Sud. Coralli sfiora il 3 a 1.

Mister Zeman inizia ad operare i primi cambi inserendo De Vito al posto di un Cucinotti stremato e in preda ai crampi e Romanò al posto di Bangu. Le due squadre si affrontano a viso aperto, ma i cambi hanno dato linfa nuova ai reggini, che riescono a contrastare molto bene la compagine avversaria e a rendersi pericolosi con le ripartenze. L’ultimo cambio di Zeman vede come protagonisti Coralli, anch’esso stremato, e Leonetti.

Nei minuti finali il Melfi cala e la Reggina prende definitivamente il controllo della gara. Bianchimano e Romanò sciupano il possibile 3 a 1, che chiuderebbe definitivamente la gara. Il Melfi dal canto suo ci prova fino alla fine, ma i tentativi vengono tutti vanificati dalla difesa amaranto che regge bene e riesce a mantenere il risultato fisso sul 2 a 1 fino al triplice fischio.

Ottima prestazione degli uomini di Zeman che portano a casa i tre punti contro i diretti concorrenti. Ora è tutta questione di continuità, non bisogna sprecare quanto fatto finora, la salvezza è a portata di mano.
Pasquale Scopelliti

About Pino d'Amico

Reggio Calabria e la sua Provincia dentro la cronaca e non solo.
«
Next
Post più recente
»
Previous
Post più vecchio

Nessun commento :

Lascia un Commento

Ti potrebbero interessare ...