» » » » » » » » » REGGIO CALABRIA. Traslata nella nuova cappella la salma del colonnello Cosimo Fazio

REGGIO CALABRIA. Si è svolta oggi alle ore 10.30 al cimitero di Modena alla presenza della signora Giovanna Colella vedova del colonnello Cosimo Giuseppe Fazio e del figlio Nino, la traslazione della salma dell’ufficiale dell’Arma deceduto in servizio nel 2013.

Alla cerimonia erano presenti il comandante provinciale dei carabinieri colonnello Giancarlo Scafuri, il tenente colonnello Mauro Gazzi in rappresentanza del colonnello Davide Rossi comandante della Scuola Allievi Carabinieri di Reggio Calabria, il direttore marittimo capitano di vascello Giancarlo Russo, il comandante della Polizia provinciale dottor Domenico Crupi, il colonnello Giorgio Maria Borrelli comandante del Gruppo Carabinieri Forestali, un funzionario della locale Questura in rappresentanza del questore Raffaele Grassi, un ufficiale superiore della Guardia di finanza in rappresentanza del colonnello Alessandro Barbera, il vice sindaco avvocato Armando Neri, il dottor Antonino Campolo delegato dal prefetto Michele di Bari, una folta rappresentanza di militari dell’Arma in servizio e in congedo, le associazioni d’ Arma, l’assessore alla Sicurezza urbana dottor Nino Zimbalatti, il dottor Luigi Nigero  vice comandante della Polizia municipale con un folto gruppo agenti municipali.
Non è mancata la presenza del dottor Salvatore Boemi, amico personale della famiglia Fazio, di varie rappresentanti delle istituzioni locali e di tanti amici, che hanno voluto rendere il loro omaggio in occasione della traslazione della salma nella cappella costruita dall’Amministrazione comunale reggina.

Nella breve ma intensa cerimonia di commemorazione del compianto colonnello Fazio,  deceduto a causa di un infarto il giorno di ferragosto del 2013 al porto durante le operazioni di coordinamento allo sbarco di migranti soccorsi in mare.
Il colonnello Fazio era stato nominato dall’allora prefetto Piscitelli comandante della Polizia municipale reggina appena 13 giorni prima del suo decesso.

L’alto ufficiale, nativo di Grottaglie (Taranto) e palermitano di adozione, per oltre un ventennio ha operato nel territorio reggino  ottenendo grossi risultati  contro la malavita organizzata, comandante della Compagnia Carabinieri di Taurianova, ha retto il Reparto operativo di Reggio Calabria, successivamente in servizio quale vice dirigente alla Dia di Reggio Calabria, divenuto responsabile della Sezione di Polizia giudiziaria presso la Procura della Repubblica reggina e comandante della locale Scuola Allievi carabinieri, successivamente Capo di Stato Maggiore al Comando Interregionale Carabinieri di Messina, ha poi fatto ritorno a Reggio Calabria quale docente ancora alla Scuola Allievi Carabinieri.
Anni di impegno e di risultati sul territorio, hanno fatto si che l’ufficiale fosse insignito con vari encomi solenni e prestigiosi riconoscimenti, frutto della sua costante attività sempre in prima linea nelle piccole e grandi operazioni di servizio.
Ufficiale di alta caratura morale, marito e padre esemplare non si è mai risparmiato nell’adempiere il suo compito a difesa delle istituzioni.


Nel corso della cerimonia la signora Giovanna Colella vedova dell’ufficiale e il figlio Nino nella commozione, hanno inteso ringraziare tutti i presenti per il calore e l’affetto che hanno dimostrato con le loro presenze.
Il capellano militare Don Aldo Ripepi dopo la benedizione della cappella dove riposa l’alto ufficiale ne ha ricordato le qualità di genitore, di marito e di grande Carabiniere.

Il comandante provinciale, infine, nel portare i saluti e l’abbraccio del Comandante Interregionale Carabinieri Culqualber generale di corpo d’armata Silvio Ghiselli e del comandante della legione Carabinieri Calabria generale di brigata Andrea Rispoli, entrambi assenti per motivi istituzionali, ha esaltato la figura del compianto colonnello Fazio non solo dal punto di vista militare ma soprattutto dal lato umano.

About Pino d'Amico

Reggio Calabria e la sua Provincia dentro la cronaca e non solo.
«
Next
Post più recente
»
Previous
Post più vecchio

Nessun commento :

Lascia un Commento

Ti potrebbero interessare ...