SAN LORENZO. Nell’espletamento di un servizio di controllo del territorio finalizzato alla prevenzione e repressione dei reati ambientali, predisposto dal Coordinamento territoriale carabinieri  per l’ambiente  del Parco nazionale dell’Aspromonte,  i militari della Stazione Carabinieri Forestali di Bagaladi  giunti in località Scorciapelle, hanno notato ai margini della carreggiata, 8 sacchi in plastica colmi di pigne fresche da poco asportate dalla piante.

Mentre la pattuglia effettuava gli accertamenti, dalla parte opposta della strada giungeva un automezzo cassonato Land Rover con quattro persone a bordo.

Il personale operante intimava l’Alt al mezzo, procedeva all’identificazione dei soggetti e all’ispezione del mezzo, notando all’interno 23 sacchi contenenti  pigne di pino domestico (Pinus pinea), una scala in metallo e due aste uncinate, utilizzate per l’asportazione degli strobili come dichiarato dai soggetti fermati che asserivano di essere proprietari anche dei sacchi rinvenuti lungo la carreggiata.

Si procedeva pertanto a chiedere l’esibizione delle autorizzazioni necessarie per l’asportazione e la raccolta delle pigne, constando che il soggetto dichiarava di essere in possesso dell’autorizzazione limitatamente al Comune di Montebello Jonico, mentre dalla georeferenziazione eseguita si accertava che la zona interessata era di  proprietà della Regione Calabria,  sottoposta a vincolo paesaggistico – ambientale.

Si fa presente che la raccolta manuale e meccanica delle  pigne di pino domestico è sottoposta ad autorizzazione da parte del proprietario o soggetto gestore della pineta o delle piante.

Le modalità di raccolta del seme devono avvenire in modo da non compromettere la rinnovazione del soprassuolo forestale e devono essere effettuare, da terra o direttamente sulla pianta mediante utilizzo di apposite attrezzature garantendo l’integrità della pianta, regolamentando anche la quantità massima, l’epoca e l’età di raccolta dei semi.

Pertanto, essendo emerse responsabilità penali a carico dei soggetti identificati, in quanto in concorso tra loro, asportavano abusivamente pigne di pino domestico, si è proceduto al deferimento all’autorità giudiziaria dei quattro soggetti per i reati di furto aggravato e al sequestro dell’automezzo e del materiale rinvenuto.

Inoltre, a seguito di ulteriore controllo dei documenti si è accertato che uno dei soggetti, X. M risulta irregolare sul territorio nazionale.

Si precisa inoltre che la raccolta abusiva di pigne alimenta un vero e proprio mercato nero, rappresentando un serio deturpamento del bosco.

Infatti, come nel caso di specie, i frutti sono stati raccolti direttamente dagli alberi, provocando una riduzione della naturale propagazione.

About Pino d'Amico

Reggio Calabria e la sua Provincia dentro la cronaca e non solo.
«
Next
Post più recente
»
Previous
Post più vecchio

Nessun commento :

Lascia un Commento

Ti potrebbero interessare ...